Statuto

STATUTO DELL’AGD LIVORNO ONLUS

ASSOCIAZIONE PER L’AIUTO AI GIOVANI CON DIABETE DELLA PROVINCIA DI LIVORNO

SEDE, COSTITUZIONE,DURATA,OGGETTO SOCIALE

Art.1) - Denominazione – E’ costituita, ai sensi della legge quadro sul volontariato 11 agosto 1991 n. 266 e della legge regionale del volontariato 26 aprile 1993 n. 28, una libera associazione di volontariato denominata AGD LIVORNO Onlus (Associazione per l’aiuto ai giovani con diabete della provincia di Livorno).

Art.2) – Sede – L’Associazione ha sede in Livorno, via L. Russo 48/50.

Art.3) – Durata – L’Associazione ha durata illimitata.

Art.4) – Principi ispiratori – L’ Associazione è apartitica e si uniforma ai seguenti principi ispiratori: assenza di fini di lucro anche diretto, esclusivo perseguimento di finilità di solidarietà sociale, democraticità della struttura, devoluzione in beneficenza dell’intero patrimonio in caso discioglimento o cessazione dell’associazione, elettività, gratuità delle cariche associative, esclusione dei soci temporanei, gratuità delle prestazioni fornite dagli aderenti, sovranità dell’assemblea dei soci, divieto di svolgere attività diverse da quelle istituzionali ad eccezione di quelle attività economiche e commerciali marginali e ad esse strettamente connesse e/o accessorie in quanto integrative delle stesse.

Art.5) – Scopi dell’Asssociazione – L’Associazione svolge prestazione gratuite e persegue esclusivamente finalità di utilità e solidarietà in materia socio-sanitaria, a beneficio indistinto della collettività, sia come assistenza sia come conoscenza, con oggetto specifico il diabete giovanile, e non può svolgere attività diverse ad eccezione di quelle direttamente connesse.

L’Associazione si propone i seguenti fini:

  • Promuovere e favorire con ogni mezzo la conoscenza dal diabete giovanile, al fine di favorire la diagnosi precoce e la cura efficace dei giovani che ne sono colpiti. 

  • Sensibilizzare gli organismi politici, amministrativi e sanitari, al fine di migliorare l’assistenza ai giovani con diabete ed alle loro famiglie. 

  • Favorire una concreta solidarietà alle famiglie e promuovere un adeguato inserimento sociale dei giovani con diabete nella famiglia, nella scuola, nello sport e nel lavoro, anche nei confronti della Pubblica Amministrazione, nel rispetto dell’art. 8 della legge 115/87.

  • Suggerire, promuovere e sviluppare iniziative per assicurare adeguati mezzi di assistenza ai giovani e alle loro famiglie, in special modo laddove l’organizzazione assistenziale pubblica non offre interventi adeguati.

  • Istruire ed educare i giovani con diabete e loro famiglie all’autocontrollo , anche promuovendo o collaborando ad iniziative educativo-ricreative e integrandone spese e compensi nel rispetto della normativa e dell’interesse dei giovani.

  • Sollecitare, partecipare o promuovere pubblicazioni, convegni, incontri, corsi e conferenze; campagne di educazione socio-sanitaria e di divulgazione a tutti i livelli; attività di informazione, formazione e aggiornamento professionale nei confronti di insegnanti, medici, pediatri, personale infermieristico, volontari e pazienti.

  • Favorire studi e ricerche in particolare per l’innovazione nella prevenzione e nella cura, per proprio conto oppure congiuntamente con altre istituzioni in un programma comune di difesa della salute con metodo globale.

  • Fornire informazioni diffuse sulla situazione scientifico/sanitaria.

L’Associazione è senza fine di lucro. Essa ha il divieto di distribuire anche in modo indiretto utili o avanzi di gestione non che fondi, riserve o residui di capitali durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

L’Associazione risponde, con le proprie risorse economiche, dei danni causati per inosservanza delle convenzioni e dei contratti stipulati o stipulandi.
Può assicurarsi ,previa delibera del Consiglio Direttivo, per responsabilità contrattuale ed extra contrattuale, per malattie, infortunio e per la responsabilità civile verso i terzi.

PATRIMONIO DELL’ ASSOCIAZIONE

Art.6) – Patrimonio – Il patrimonio dell’associazione è costituito da tutti i beni mobili ed immobili che l’associazione potrà acquistare a qualsiasi titolo per il conseguimento dei propri fini e da eventuali fondi di riserva.

Le entrate sono costituite dai contributi annuali degli associati, dalle elargizioni dei simpatizzanti e dei sostenitori; dai contributi dello Stato e di altre amministrazioni pubbliche, anche per lo svolgimento convenzionato o in regime di accreditamento di attività aventi finalità sociali esercitate in conformità ai fini istituzionali; da contributi derivanti dal finanziamento di progetti realizzati in conformità alle proprie finalità istituzionali; da proventi derivanti da raccolte pubbliche effettuate occasionalmente in concomitanza di celebrazioni, ricorrenze o campagne di sensibilizzazione, anche mediante offerte di beni di modico valore.

La raccolta e/o sollecitazione degli occorrenti fondi, contributi o sponsorizzazioni avverrà a norma di legge.

In caso di scioglimento dell’associazione è obbligatorio ,in ottemperanza all’art.5, comma 4, della L. 266/1991, devolvere il patrimonio ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale.

BILANCIO CONSUNTIVO

Art.7) – Bilancio consuntivo - L’esercizio si chiude al trentuno dicembre di ogni anno.

L’Associazione ha l’obbligo di redigere e di approvare annualmente il bilancio consuntivo.

Il Consiglio Direttivo ,entro quattro mesi dalla chiusura dell’esercizio, redige il bilancio consuntivo che conterrà anche i beni, i contributi o i lasciti ricevuti, con l’unita relazione sull’attività svolta, fissando la data per la presentazione ed approvazione del bilancio all’Assemblea che deve comunque avvenire entro il trenta giugno di ogni anno.

ASSOCIATI

Art.8) – Membri dell’Associazione – L’adesione all’associazione è aperta a tutti i cittadini italiani o stranieri, ovunque residenti. 

La qualità di associato si acquista presentando apposita domanda di ammissione al Consiglio Direttivo, che dovrà deliberare in proposito; e versando alla Segreteria dell’Associazione il contributo annuo

La misura del contributo annuo è fissato e può essere modificato per decisione del Consiglio Direttivo.

La quota sociale è intrasmissibile enon rivalutabile.

 Art.9) – Diritti ed obblighi degli associati.  Gli associati partecipano all’assemblea ed esprimono il proprio voto in seno alla stessa.

Gli associati in minore età esprimono il loro voto tramite uno degli esercenti la potestà, che può votare anche per sé, se associato anche in proprio.

Il comportamento interno ed esterno all’Associazione è animato da spirito di solidarietà ed attuato con correttezza e buona fede.

Obbligo degli associati è la puntuale corresponsione del contributo annuo nella misura fissata dal Consiglio Direttivo.

L’inosservanza di tale obbligo dà facoltà al consiglio direttivo di escludere l’associato.

Gli associati sono tenuti a prestare nei limiti delle proprie possibilità la propria opera per lo sviluppo dell’attività dell’Associazione.

I soci che prestano l’attività di volontariato lo fanno a titolo personale, spontaneo e gratuito; esclusivamente per fini di solidarietà e senza fini di lucro.
Potranno percepire eventuali rimborsi per le spese sostenute e documentate nei limiti di legge.

ORGANI DELL’ASSOCIAZIONE

Art.10) – Organi dell’Associazione – organi dell’ Associazione sono: 

a) l’assemblea degli associati

b) Il Consiglio Direttivo

c) Il Presidente ed il Vice-Presidente

d) Il Segretario 

Tutte le cariche associative sono prestate gratuitamente.

Art.11) – Assemblea – L’Assemblea è composta da tutti gli associati e deve essere riunita almeno una volta all’anno su convocazione del Presidente, per l’approvazione del bilancio dell’associazione e della relazione annuale del Consiglio Direttivo; ed ogni tre anni, per il rinnovo delle cariche elettive. 

Per quanto non espressamente previsto nel presente Statuto, riguardo al funzionamento dell’Assemblea, si applicano gli art. 20, 21, 23 del Codice Civile. 

Art.12) – Consiglio Direttivo – L’associazione è amministrata da un Consiglio Direttivo eletto dall’assemblea degli associati tra gli associati stessi, e composto da un numero di Consiglieri non inferiore a tre e non superiore a nove, secondo quanto stabilirà l’assemblea; ed il loro numero potrà essere variato durante l’esercizio da parte dell’assemblea. I Consiglieri durano in carica per tre esercizi sociali, e sono rieleggibili. 

Il Consiglio si riunisce su convocazione del Presidente, o su richiesta di almeno tre dei suoi membri. Le riunioni sono valide quando sia presente la maggioranza dei Consiglieri. Il Consiglio delibera con il voto favorevole della maggioranza dei Consiglieri presenti. Il Consiglio può delegare determinati compiti in via continuativa al Presidente o ad uno o più dei suoi membri.

Art.13) – Presidente e Vice-Presidente – Il Presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo fra i suoi membri, rappresenta a tutti gli effetti l’associazione nei confronti dei terzi, ed ha la facoltà di stare in giudizio per l’Associazione. Convoca e presiede Assemblea e Consiglio Direttivo. Gestisce l’ordinaria amministrazione dell’Associazione sulla base degli indirizzi emanati dall’Assemblea e dal Consiglio Direttivo ai quali riferisce sull’attività svolta. Dura in carica quanto il Consiglio ed è rieleggibile per più mandati consecutivi.

Il Vice-Presidente, pure eletto dal Consiglio Direttivo tra i suoi membri, sostituisce il Presidente a tutti gli effetti, nei casi di assenza o impedimento di questi. Dura in carica quanto il Consiglio ed è rieleggibile. 

Art.14) – Segretario – Il Segretario viene eletto dal Consiglio Direttivo tra gli associati, anche non Consiglieri, ed ha le funzioni di Tesoriere. Assiste il Consiglio nelle sue riunioni, e ne verbalizza le deliberazioni. Dura in carica quanto il Consiglio ed è rieleggibile. 

DISPOSIZIONI FINALI

Art.15) – L’Associazione è disciplinata dal presente statuto. che vincola alla sua osservanza gli associati.

Per quanto non espressamente previsto si fa riferimento alle leggi regionali e statali, al codice civile e ai principi generali dell’ordinamento giuridico nonché alle norme sulle Onl